Evento passato!

A “SPOLETO INCONTRA VENEZIA” IN ESPOSIZIONE ANNALISA PICCHIONI - dal 28 settembre

dal 28/09/2014 al 24/10/2014

(VE), Veneto, Italia

In occasione della grande mostra di "Spoleto incontra Venezia" a cura di Vittorio Sgarbi, con la direzione del manager Salvo Nugnes, Annalisa Picchioni è stata scelta tra i rinomati artisti partecipanti con la sua arte ispirata dall'astrattismo intimista. L'iniziativa di portata internazionale si terrà dal 28 Settembre al 24 Ottobre 2014 nel sontuoso Palazzo Falier sul Canal Grande a Venezia, coinvolgendo nomi altisonanti come Dario Fo, Eugenio Carmi, José Dalì.

La Picchioni durante gli anni di studio accademico approfondisce la tecnica dell'incisione tramite il metodo Hayter con la stampa simultanea a colori. In parallelo con la crescente passione per la fotografia continua la sperimentazione con la pittura, inserendo lastre di plexiglass per conferire una struttura tridimensionale alle rappresentazioni.

In lei emerge la capacità di donare alle forme tratti decisi, che poi si confondono nelle sfumature tonali. Sullo sfondo inserisce le cromature pastello per armonizzare i contorni geometrici delle raffigurazioni. L'intento è di lasciare molta libertà al tratteggio, pur marcando le linee poiché come spiega "Vorrei far visionare quel mondo interiore ricco di sogni e magie e metterlo in contrapposizione con quello -costruito- che è alla luce di tutti".

Nelle composizioni partendo da un pensiero, che diventa un "modulo" di base ne accentua la ripetizione per sottolineare come le ossessioni e i sogni si pongono e si impongono ripetutamente nelle nostra mente. Le cromature accese e le tinte brillanti rendono visibile quella che si pone come unica e fondamentale variante: il punto d'osservazione, l'alter ego della percezione onirica, che viene dilatato nell'analisi microscopica di un dettaglio o viene riequilibrato in una prospettiva di visione d'insieme.

L'apparente disordine delle forme e dei segni è un universo in sviluppo progressivo, che si armonizza. Lo spettatore percepisce la dimensione luminosa, perché vede l'ombra dell'immateriale, che nella sua irrealtà genera emozioni, evocando il movimento dell'anima e il fluire dei sentimenti nel fremito delle sensazioni impresse nelle opere e condivise, come la magia dei ricordi dimenticati e recuperati, che fanno sentire vivi e suscitano inaspettate reazioni nella memoria dei sensi.
Caratteristiche evento
Mostra d'arte

Hai trovato delle informazioni errate? Inviaci una segnalazione
Copyright © 2005-2017, 360 GRADI di Caramanico Valeriano. Avvertenze legali | Navigatore | Contatta 360 GRADI
Tutti i diritti sono riservati. E' severamente vietata la riproduzione anche parziale dei contenuti presenti su questo sito.
Seguici su: