La storia del makeup a 360 gradi, i trucchi dell’antichità

0

Il make up nasconde una storia che parte da molto lontano. Nel corso della sua esistenza, la donna ha avuto sempre nella sua indole la voglia di truccare il proprio viso e il desiderio di far crescere il benessere del proprio corpo. Scopriamo l’evoluzione del make up nell’umanità.

Il makeup dell’antico Egitto

La storia del make up fonda le sue radici fin dall’antichità. Un chiaro esempio è rappresentato dalle donne dell’antico Egitto, sempre pronte a trovare nuovi metodi per diventare più accattivanti agli occhi del sesso opposto. Vediamo quali sono le peculiarità di quel periodo storico ormai lontanissimo:

  • La linea nera sugli occhi era sicuramente il tratto caratteristico dell’epoca. Oggi le donne effettuano tale operazione con l’ausilio di una matita, ma a quei tempi tutto si faceva grazie al Kohl, un minerale nato proprio per mettere in evidenza la parte al di sopra dei bulbi oculari.
  • Molte donne utilizzavano anche una crema scrub perfetta per rendere la pelle maggiormente morbida e levigata. Veniva applicata direttamente sull’epidermide ed era formata da un mix di miele, bicarbonato e sale marino.

Il make up ai tempi dell’antica Grecia

L’evoluzione del make up si è fatta ancora più evidente nel periodo storico in cui la Grecia ha vissuto il suo massimo splendore. Anche in quella circostanza, le idee per migliorare il proprio aspetto non mancavano assolutamente ed erano tutte considerate di elevata efficacia. Ecco le principali tecniche adottate dal gentil sesso per rendere la propria immagine davvero accattivante:

  • Anche le donne greche si occupavano in prima persona dell’abbellimento degli occhi. Tuttavia, il nero non era l’unico colore scelto. Molte prediligevano la colorazione delle palpebre in blu o in verde, realizzata mediante l’ombretto e, solo in alcuni casi, il Kohl. Al tempo stesso, le sopracciglia venivano rese molto più scure con l’aiuto del carbone, al fine di mostrare un carattere estremamente forte e sicuro.
  • La pelle era un elemento fondamentale, anche in questo ambito. Le guance venivano messe in evidenza con l’utilizzo di una lunga serie di estratti. In tali circostanze, il rosso era sicuramente il colore principale ed era sinonimo di una salute ottima.
  • Un ruolo di primo piano era occupato anche dal make up relativo alle labbra. Dall’oricello era molto frequente l’estrazione di un elemento molto simile all’attuale rossetto, che veniva diffuso mediante un pennellino.

L’Impero Romano e il trucco femminile

La terza epoca che prendiamo in considerazione nella storia del make up è quella risalente all’Impero Romano. Era un periodo di massima ispirazione per chi voleva modellare pelle e viso, come si evince dalle numerose soluzioni messe in atto dalle donne di quel tempo. Tutto ciò nonostante, agli inizi, il trucco non era ben considerato dai poeti romani e le donne che ne facevano uso venivano prese in giro. Ecco le principali:

  • Le sopracciglia vivano modellate con l’ausilio di un piccolo bastoncino quasi uguale a quelli attuali, funzionante tramite l’inserimento del piombo o del carbone. Inoltre, il loro colore poteva diventare più scuro rispetto a quello naturale.
  • Il contorno occhi veniva gestito tramite un effetto similare rispetto a quello che scaturiva dall’utilizzo del Kohl. In tali circostanze, ci si serviva addirittura di insetti bruciati. Per quanto riguardava le palpebre, veniva colorata con l’ausilio di colori naturali presi direttamente dalle piante.
  • La pelle riusciva a mantenere il massimo della sua conformazione liscia e delicata grazie ad un miscuglio di latte e miele, o di altri alimenti simili. Veniva resa sempre più bianca tramite un altro mix di biacca e argilla. Al tempo stesso, il composto adottato per il contorno occhi serviva anche per la creazione di piccoli nei, molto trendy e ammirati dal pubblico di quel periodo storico
  • Concludiamo con la bocca, che doveva un colore del tutto attraente per conquistare il sesso opposto. Nel caso specifico, il minio era perfetto per dare vita a rossetti di ottima qualità, con nulla da invidiare rispetto agli attuali.

Le conclusioni

Come si può ben notare, la storia del make up è davvero intensa e ricca di sfaccettature. Il mondo della cosmetica ha vissuto una profonda evoluzione, ma la voglia di truccarsi non è mai andata perduta. La sperimentazione va avanti, senza alcuna pausa.

Fonte articolo Milkybatht , prodotti di cosmesi bio

You might also like More from author

Leave A Reply

Your email address will not be published.