Chiesa di San Marziale

Venezia (Veneto)

Chiesa di San Marziale

La chiesa di San Marziale (vulgo San Marzilian) è un edificio religioso della città di Venezia, situato nel sestiere di Cannaregio.

Storia

Anticamente sede parrocchiale, è attualmente la chiesa vicariale della parrocchia della Madonna dell'Orto. Venne dedicata a San Marziale, vescovo di Limoges. La prima costruzione risale al IX secolo, ma già nel XII secolo venne ristrutturata dalla famiglia Bocchi, anche se la pianta attuale è del XVII secolo. Venne inaugutata il 28 settembre 1721 dal patriarca Pietro Barbarigo.

Descrizione

Le mura si presentano intonacate ma prive di ogni decoro. Il campanile è una struttura a vela molto semplice. L'interno si presenta molto ricco, in stile barocco.

Un'unica navata accoglie gli avventori, nel soffitto riquadri pittorici inseriti in cornici dorate di Sebastiano Ricci, 1700 circa.

L'altare maggiore poggia sulla parete di fondo del presbiterio ed è sovrastato da un enorme gruppo marmoreo attribuito a Tommaso Rues: Il Cristo sul mondo con angeli e santi. Dipinti di rilievo storico sono San Marziale in gloria fra i Santi Pietro e Paolo, di Jacopo Tintoretto, 1548-1549.

In sacrestia Angelo Raffaele e Tobia di Tiziano Vecellio, 1530 circa, di Sebastiano Ricci del 1700 sul soffitto, in posizione centrale, Padre eterno con angeli in gloria.

Curiosità

Nel 1575 un veneziano di nome Vincenzo Franceschi ospitò un parente trentino, il quale era malato di peste e contagiò l'intera città, provocando oltre quarantacinquemila morti.

Qui vicino c'è uno dei vari ponte dei pugni di Venezia, dove Castellani e Nicolotti si scambiavano pugne in gare che vedevano i perdenti cadere nel canale sottostante.

Informazioni turistiche Venezia

Monumenti e luoghi di interesse culturale, artistico e religioso

Cultura e tradizioni

Mare e località balneari

Storia e siti archeologici

Copyright © 2005-2017, 360 GRADI di Caramanico Valeriano. Avvertenze legali | Navigatore | Contatta 360 GRADI
Tutti i diritti sono riservati. E' severamente vietata la riproduzione anche parziale dei contenuti presenti su questo sito.
Seguici su: