Chiesa di Santa Caterina

Venezia (Veneto)

Chiesa di Santa Caterina

La chiesa di Santa Caterina è un luogo di culto cattolico di Venezia, situato nel sestiere di Cannaregio.

Storia

Fu fondata da monaci agostiniani che si insediarono in quest'area, allora paludosa, nell'XI secolo. Non riuscirono a finirla a causa della soppressione dell'ordine.

Nel 1274 l'edificio passò in varie mani, da un ricco mercante che lo regalò a Botolotta Giustinian, che a sua volta lo donò a un gruppo di monache agostiniane, che la dedicarono a santa Caterina d'Alessandria.

In occasione della ricorrenza di santa Caterina, il doge si recava qui per festeggiare la festa dei Dotti.

Della chiesa rimangono tre opere superstiti. La prima è il famosissimo ciclo Vita di santa Caterina, del 1585 circa, di Tintoretto che attualmente si trova nel palazzo Patriarcale, al cui centro era posta la pala del Veronese Nozze di santa Caterina. Infine, sempre al palazzo Patriarcale si trova la tela di Palma il Giovane La madre di santa Caterina consulta i saggi per le nozze della figlia.

Descrizione

La chiesa venne finita solo nel XV secolo e presentava una struttura a tre navate di stile gotico. Il soffitto a carena di nave, come quello presente nelle chiese di Santo Stefano e San Giacomo dall'Orio, andò distrutto nel 1979. Vi era un bel coro pensile sulla parete di fondo, che era usato dalle monache.

Informazioni turistiche Venezia

Monumenti e luoghi di interesse culturale, artistico e religioso

Cultura e tradizioni

Mare e località balneari

Storia e siti archeologici

Copyright © 2005-2017, 360 GRADI di Caramanico Valeriano. Avvertenze legali | Navigatore | Contatta 360 GRADI
Tutti i diritti sono riservati. E' severamente vietata la riproduzione anche parziale dei contenuti presenti su questo sito.
Seguici su: