Chiesa di Santa Croce (Giudecca)

Venezia (Veneto)

Chiesa di Santa Croce (Giudecca)

La chiesa di Santa Croce o chiesa della Croce, è un edificio religioso, oggi sconsacrato della città di Venezia, situato presso l'isola della Giudecca. Faceva parte di un convento benedettino.

Storia

La località su cui sorse il monastero era in passato paludosa e inadatta all'insediamento umano. I primi riferimenti risalgono al XIV secolo: nel 1328 il Maggior Consiglio concedeva questi luoghi a vari privati perché le rendessero abitabili; nel 1330 gran parte delle paludi sino al vicino monastero di San Giorgio Maggiore venivano assegnati al monastero di Santa Croce rappresentato dalla badessa Giacomina Paoni, con l'obbligo di regalare annualmente al doge un paio di guanti di camozza (camoscio) e di bonificare i terreni ampliando il convento nel giro di tre anni.

Vista la povertà del luogo, inizialmente il convento non poté giovare di grosse rendite, ma riuscì comunque ad arricchirsi attraverso varie donazioni. Nel 1435, papa Eugenio IV, patrizio veneziano, concedeva l'indulgenza plenaria a chiunque si fosse adoperato per risolvere la penuria delle monache, e qualche anno dopo univa al monastero l'abbazia benedettina di San Giorgio di Fossano con le sue dipendenze, inclusa la chiesa di San Cipriano a Sarzano (Rovigo).

Le monache erano particolarmente note per le loro virtù e moralità, tant'è che nel 1434 il vescovo di Castello San Lorenzo Giustiniani ne trasferì tre a San Servolo per correggere la scostumatezza della locale abbazia. Il vescovo provò a ripetere l'esperimento anche a Sant'Angelo di Contorta ma, non avendo qui sortito gli stessi felici effetti, si rivolse a papa Sisto IV che, con un diploma, sopprimeva il convento e ne trasferiva le suore a Santa Croce.

Ancora Sisto IV donava al monastero il convento di San Domenico a Toscolano, abbandonato dai Predicatori, e le chiese di Santa Felicita a Romano e di San Giorgio a Castelfranco, già appartenute ai Gerolamini. L'ultima donazione si ebbe da Giulio II che assegnava la parrocchia di Santa Maria di Non (attuale frazione di Curtarolo).

Il 28 giugno 1426 entrò in convento la diciassettenne Eufemia Giustiniani, nipote del vescovo Lorenzo Giustiniani, poi primo patriarca di Venezia e santo. Quest'ultimo si recò spesso a visitare il monastero e la parente e l'11 giugno 1444 la nominò badessa, succedendo a suor Paola. A Eufemia furono attribuiti eventi soprannaturali se non miracoli e fu poi nominata beata.

Quando Venezia fu assoggettata a Napoleone, il monastero fu soppresso e divenne una casa di correzione che arrivò ad ospitare diverse centinaia di detenuti. Fu poi un magazzino per la raccolta del tabacco, ma dagli anni sessanta del Novecento è divenuta sede sussidiaria dell'archivio di stato di Venezia.

Informazioni turistiche Venezia

Monumenti e luoghi di interesse culturale, artistico e religioso

Cultura e tradizioni

Mare e località balneari

Storia e siti archeologici

Copyright © 2005-2017, 360 GRADI di Caramanico Valeriano. Avvertenze legali | Navigatore | Contatta 360 GRADI
Tutti i diritti sono riservati. E' severamente vietata la riproduzione anche parziale dei contenuti presenti su questo sito.
Seguici su: