Chiesa di Santa Ternita

Venezia (Veneto)

Chiesa di Santa Ternita

La chiesa della Santissima Trinità, vulgo Santa Ternita, e campo, santa ternita era un edificio religioso di Venezia.

Era situata nel sestiere di Castello, affacciata all'omonimo campo tuttora esistente.

Storia

Secondo la tradizione, Santa Ternita fu fondata dalle famiglie Celsi e Sagredo durante il dogado di Pietro Centranico (XI secolo, il Gallicciolli propone la data 1030). Probabilmente fu eretta a parrocchiale nel giro di poco tempo.

La chiesa fu amministrata a lungo dai laici della parrocchia che avevano peraltro il diritto di eleggerne il pievano (cosa confermata in una deliberazione del 1472). In quanto collegiata, disponeva di un capitolo formato da due preti titolati, un diacono, un suddiacono e due accoliti. Con il tempo, però, fu il solo parroco ad occuparsi della cura delle anima, talvolta con la collaborazione di un sacrista.

Anticamente, Santa Ternita era affiliata alla cattedrale di San Pietro e, di conseguenza, il capitolo aveva l'obbligo di assistere presso la matrice alla benedizione del fonte battesimale del sabato santo, ricevendone l'acqua benedetta.

Nel 1807 l'istituzione fu risparmiata dalle prime soppressioni decretate dal napoleonico Regno d'Italia, e anzi la sua circoscrizione fu estesa anche alla chiesa di Santa Giustina. Ma appena qualche anno dopo, il 25 aprile 1810, fu chiusa al culto e il suo territorio inglobato a San Francesco della Vigna. L'edificio fu demolito nel 1832 mentre il campanile, adibito a modesta abitazione privata, crollò improvvisamente il 13 dicembre 1880; durante la sciagura, morì tale Giovanni Baratelli, macchinista.

Edificio

La chiesa aveva subito nel tempo numerosi rimaneggiamenti; si ricordano in particolare una ricostruzione nel 1505-1507 e un restauro nel Settecento.

All'interno vi erano sette altari, dei quali uno era ornato da un pregevole Crocifisso marmoreo di Francesco Cavrioli, mentre il maggiore recava un'immagine di San Gerardo Sagredo di Girolamo da Santacroce. Vi erano inoltre opere di Pietro Malombra, Odoardo Fialetti, Jacopo Palma il Giovane, Francesco Maggiotto, Giambattista Tiepolo, Vittore Carpaccio.

Da citare infine la sontuosa cappella Sagredo.

Informazioni turistiche Venezia

Monumenti e luoghi di interesse culturale, artistico e religioso

Cultura e tradizioni

Mare e località balneari

Storia e siti archeologici

Copyright © 2005-2017, 360 GRADI di Caramanico Valeriano. Avvertenze legali | Navigatore | Contatta 360 GRADI
Tutti i diritti sono riservati. E' severamente vietata la riproduzione anche parziale dei contenuti presenti su questo sito.
Seguici su: