Palazzo Maffei

Verona (Veneto)

Palazzo Maffei

Palazzo Maffei si trova a Verona, delimita il lato nord occidentale di piazza Erbe.

Storia

Un palazzo antecedente esisteva già dal XV secolo, ma il 20 dicembre 1629 Marcantonio Maffei decise di ingrandire il palazzo, aggiungendovi anche un terzo piano. Sconosciuto è il nome dell'architetto, anche se sembra fosse romano; la conclusione dei lavori si ebbe solo nel 1668.

Struttura

Il palazzo Maffei è stato costruito in stile barocco, leggermente più in alto del terreno, infatti sotto sono presenti i resti del campidoglio romano (piazza delle Erbe era anticamente il foro di Verona). Le fondamenta del campidoglio romano sono tuttora visibili attraverso il ristorante all'interno.

L'edificio barocco è allo stesso tempo imponente ed elegante, su tre piani. Il pianoterra è scandito da cinque fornici, inquadrate da timpani, al primo piano in ognuna delle cinque arcate si apre una finestra con un elegante balcone, divisi da semicolonne di ordine ionico e decorati con mascheroni. Il secondo piano ripete l'ordine del primo ma con finestre più piccole, con cornici divise da lesene. In cima alla struttura si trova una balaustra con sei divinità: Ercole, Giove, Venere, Mercurio, Apollo e Minerva. Queste divinità sono scolpite nel marmo locale, ad eccezione di quella di Ercole, che si crede proveniente dal tempio del campidoglio, quindi di origini romane.

All'interno del palazzo si trova una bizzarra scala elicoidale in pietra che sale dalle cantine fino al tetto, senza tra l'altro poggiare su alcun sostegno centrale.

Informazioni turistiche Verona

Monumenti e luoghi di interesse culturale, artistico e religioso

Cultura e tradizioni

Storia e siti archeologici

Copyright © 2005-2017, 360 GRADI di Caramanico Valeriano. Avvertenze legali | Navigatore | Contatta 360 GRADI
Tutti i diritti sono riservati. E' severamente vietata la riproduzione anche parziale dei contenuti presenti su questo sito.
Seguici su: