Scuola Grande di San Marco

Venezia (Veneto)

Scuola Grande di San Marco

La Scuola Grande di San Marco è un edificio rinascimentale, ubicato nel sestiere di Castello, fondato dall'omonima Scuola, che si affaccia sul Campo Santi Giovanni e Paolo a Venezia. Costituisce l'attuale ingresso principale dell'Ospedale Civile SS. Giovanni e Paolo.

Storia

La scuola era la sede di una confraternita di battuti e fu istituita nel 1260, ebbe la prima sede presso la demolita chiesa di Santa Croce (nell'area degli odierni giardini Papadopoli). Nel 1437 i Domenicani della vicina Basilica dei Santi Giovanni e Paolo concessero un'area adiacente per la costruzione di una nuova sede, che nel 1485 fu devastata da un grande incendio. Nel giro di venti anni la Scuola venne ristrutturata, grazie al fondo che la confraternita istituì tra i suoi affiliati ed all'appoggio dato dal Consiglio dei Pregadi.

I lavori, diretti inizialmente da Pietro Lombardo e Giovanni Buora, furono affidati nel 1490 a Mauro Codussi, che completò la facciata e realizzò lo scalone interno. Nel XVI secolo fu realizzato il prospetto verso il Rio dei Mendicanti, pare con il contributo di Jacopo Sansovino.

Nel 1807, sotto il dominio napoleonico, la confraternita fu soppressa: l'edificio fu sede prima di un ospedale militare austriaco e in seguito venne trasformata in ospedale civile, alterando sostanzialmente l'interno.

Esterno

La facciata, delicata composizione di edicole, lesene corinzie e statue in marmo bianco e policromo è un gioiello rinascimentale. è divisa in due parti, corrispondenti al salone a sinistra ed all'albergo a destra.

La decorazione marmorea e gli altorilievi della parte inferiore (due Leoni marciani e storie di San Marco) vengono attribuiti alla bottega dei Lombardo. Il portale principale presenta un protiro con colonne poggianti su plinti finemente scolpiti. L'archivolto presenta nella lunetta un altorilievo (San Marco venerato dai confratelli) generalmente attribuito a Bartolomeo Bon, così come la soprastante statua della Carità. Codussi realizzò poi la facciata dell'albergo ed il coronamento superiore a lunette con statue.

Interno

Lo scalone al pianterreno è una ricostruzione novecentesca di quello realizzato dal Codussi e demolito con la trasformazione dell'edificio in ospedale.

Al piano superiore si trovano il salone e la sala dell'albergo, con splendidi soffitti a cassettoni a finiture dorate. Presentavano una ricchissima decorazione pittorica che, a differenza di quanto accadde per la Scuola Grande di San Rocco, andò dispersa dopo la soppressione della confraternita. Alcune tele con storie di San Marco di Jacopo Palma il Vecchio, Jacopo Palma il Giovane, Domenico Tintoretto, Vittore Belliniano e del Padovanino sono state riportate nella loro sede originaria. Altri dipinti con analogo soggetto di Jacopo Tintoretto (tra cui il Miracolo di San Marco), Paris Bordone, Gentile e Giovanni Bellini, Giovanni Mansueti, sono esposte alle Gallerie dell'Accademia o alla Pinacoteca di Brera.

Informazioni turistiche Venezia

Monumenti e luoghi di interesse culturale, artistico e religioso

Cultura e tradizioni

Mare e località balneari

Storia e siti archeologici

Copyright © 2005-2017, 360 GRADI di Caramanico Valeriano. Avvertenze legali | Navigatore | Contatta 360 GRADI
Tutti i diritti sono riservati. E' severamente vietata la riproduzione anche parziale dei contenuti presenti su questo sito.
Seguici su: