Stradone San Fermo

Verona (Veneto)

Stradone San Fermo

Stradone San Fermo è una delle vie più importanti di Verona.

Storia

In epoca romana la via rimase fuori dalla cinta muraria, e nel periodo comunale divenne un sobborgo della città. Nel medioevo la via veniva chiamata via dei Brentàri, poiché vi erano presenti fabbricanti di brente, e con la costruzione della nuova cinta muraria la via venne integrata nella città. Alla fine della seconda guerra mondiale la via si presentava come un ammasso di macerie, rovinata da non pochi bombardamenti da parte alleata, ma è stata una delle prime vie ad essere ricostruita, mantenendo l'aspetto che la caratterizzava prima della guerra.

Viabilità

La via è ampia e regolare per la maggior parte del suo percorso, se non fosse per una caratteristica peculiare: il fatto di avere all'inizio e alla fine del suo percorso degli edifici che sporgono e che ostruiscono in buona parte la strada. Addirittura palazzo Maffei sporge verso la strada per tre quarti della larghezza della stessa. Lo stradone è tra l'altro l'unico che comincia con una chiesa e finisce con un'altra chiesa; questa due sono le chiese di San Fermo (che dà il nome allo stradone) e di San Pietro in Carnario.

Palazzi

Stradone San Fermo è una delle vie più eleganti di Verona, e presenta numerosi palazzi: i più noti sono palazzo della Torre e palazzo Maffei.

Lo stradone presenta palazzi dovuti ad architetti veronesi, come appunto il palazzo Della Torre, di stile sammicheliano, con un portale d'ingresso classico e un portico nel cortile interno, o palazzo Beccherle, in stile neoclassico, di Barbieri, palazzo Camuzzoni, che ricorda un importante sindaco di Verona, a cui è stato dedicato l'omonimo canale che andava ad alimentare le industrie veronesi. Palazzo Boggian è di particolare interesse: sopra il balcone principale presenta la statua di Euterpe, ad ricordare l'importanza della musica (la famiglia Boggian teneva nel palazzo dei concerti). Il più famoso è palazzo Maffei, che sullo stradone presenta però un solo fianco, tuttavia con importanti tracce di finestre e portali romanici.

Informazioni turistiche Verona

Monumenti e luoghi di interesse culturale, artistico e religioso

Cultura e tradizioni

Storia e siti archeologici

Copyright © 2005-2017, 360 GRADI di Caramanico Valeriano. Avvertenze legali | Navigatore | Contatta 360 GRADI
Tutti i diritti sono riservati. E' severamente vietata la riproduzione anche parziale dei contenuti presenti su questo sito.
Seguici su: