Sviluppo app, tutti i consigli da tenere a mente

0

Chi è interessato a sviluppare un’app destinata ai dispositivi mobili deve tenere conto di alcuni accorgimenti indispensabili per evitare errori che si potrebbero rivelare molto pericolosi. Prima di tutto, è essenziale conoscere il mercato in cui ci si vuole “buttare”: il che vuol dire essere consapevoli di ciò che succede nel settore delle app e del loro sviluppo. Solo in questo modo si ha l’opportunità di offrire dei prodotti che risultino realmente innovativi e di garantire il massimo della competitività. Si pensi agli effetti nefasti che potrebbero derivare da un ritardo di natura tecnologica, o da un mancato aggiornamento in termini di mobile marketing e di design.

Gli sviluppatori sono tenuti a conoscere anche ambiti con cui, in apparenza, hanno poco o nulla a che fare: tra questi c’è, appunto, il design, che in realtà è una disciplina strettamente correlata con il mondo delle applicazioni mobili. Utili sono, inoltre, le indagini sulle app di successo del settore in cui si vuole entrare: in questo modo si può verificare quali tendenze di design funzionano e quali no, in che modo le app devono essere programmate in base alle strategie di mobile marketing e qual è il tipo di business a cui ci si deve approcciare.

Perché bisogna differenziarsi

Creare un’app vuol dire, in sostanza, provare a soddisfare un bisogno a cui per il momento non è ancora stata data una risposta. Ecco spiegato il motivo per il quale conoscere il mercato di riferimento e le tendenze di design va bene, ma solo a patto che si sfruttino le conoscenze acquisite per differenziarsi e non per copiare. Negli ultimi tempi si assiste sempre più di frequente a design che coniugano scheumorfismo e design intuitivi: ciò, però, è in netto contrasto con il flat design, molto richiesto per le applicazioni mobili. Insomma, ciò che conta è distinguersi, in modo tale che gli utenti possano capire di avere a che fare con un’app diversa dal solito, che porta un’innovazione e che ha qualcosa in più rispetto alle altre.

Mai sottovalutare la sicurezza

Qualunque sia l’ambito di riferimento e qualunque sia il design scelto, non bisogna mai trascurare l’importanza della sicurezza nello sviluppo delle app. Secondo una ricerca di IBM, la metà delle aziende evita di destinare risorse alla sicurezza delle loro app mobili, mentre 2 aziende su 5 non si preoccupano di esaminare i codici delle proprie app con l’intento di individuare delle possibili falle dal punto di vista della sicurezza. Insomma, di solito le imprese tendono a sottovalutare l’affidabilità delle app che realizzano. I risultati? Più o meno un miliardo di iscrizioni con informazioni riservate e dati personali esposti a rischi concreti e attacchi informatici.

Tanto gli imprenditori quanto gli sviluppatori sono tenuti a focalizzarsi in modo più concreto sulla sicurezza, anche per sviluppare in modo corretto le app mobili e scongiurare i rischi connessi agli hackeraggi. Per un’azienda non c’è niente di peggio di un furto informatico in conseguenza del quale vengono rubati dati relativi ai suoi dipendenti o, addirittura, ai suoi clienti.

Controllare ed eliminare gli errori

Non esistono app esenti da errori, ed è proprio per questo motivo che ognuna di esse deve essere testata, in modo tale che sia possibile identificare le falle e provvedere alla loro eliminazione. Ogni lavoro di programmazione va testato prima che venga consegnato: vale per i programmi e per i siti web, ma anche per le app. Il consiglio è quello di non testare le app personalmente ma di chiedere il supporto di altri sviluppatori, anche per poter usufruire dei pareri di altri professionisti del settore che forniscano una prospettiva differente e assicurino i feedback desiderati. Non solo: può essere utile anche chiedere l’opinione di utenti medi, e quindi al di fuori dell’ambito professionale delle app.

 

Infine, l’ultimo accorgimento da adottare per dare vita a una app di successo consiste nel garantire a chi dovrà usarla un supporto continuo, essenziale anche per favorire un contatto costante con il cliente. Pensare che il lavoro si concluda nel momento in cui lo sviluppo dell’applicazione è giunto al termine è un errore, anche perché ai clienti piace essere coinvolti – per quanto possibile – nei progetti. Chiaramente, più elevata è la qualità dello sviluppo, anche in termini di affidabilità, e più semplice sarà il lavoro di manutenzione a cui si dovrà provvedere nel tempo.

You might also like More from author

Leave A Reply

Your email address will not be published.